logo museo del rubinetto

Piazza Martiri 1 -- 28017 San Maurizio d'Opaglio (NO) -- mail: info@museodelrubinetto.it

logo comune di san maurizio d'opaglio

Comune di S. Maurizio d'Opaglio
Sede del Distretto del Rubinetto

museo del rubinetto

/ homepage / Mostre ed esposizioni temporanee

Dall'Erica all'Ottone. L'industria della rubinetteria in cento anni di storia.

immagine

Sabato 15 luglio, alle ore 17 presso il Teatro degli Scalpellini di San Maurizio d'Opaglio, si terrà la conferenza di presentazione della mostra “DALL’ERICA ALL’OTTONE.

L’industria della rubinetteria in cento anni di storia.
Testimonianze e racconti di imprenditori che hanno contribuito all’evoluzione sociale, economica e urbanistica del territorio dal 1860 al 1965.”

La mostra nasce da un’idea di Emanuela Valeri, presidente dell’Istituzione Museo del Rubinetto e della sua tecnologia e animatrice del museo dagli anni novanta, quando, con la mostra “L’uomo e l’acqua” venne costituito il primo nucleo del museo.

La mostra, allestita presso la sala mostre della nuova sede del Museo del rubinetto e della sua tecnologia, intende presentare lo sviluppo industriale, economico e paesaggistico del basso Cusio in un periodo cruciale della storia italiana, dall’unità del paese al boom degli anni sessanta del Novecento.
Un periodo segnato da forti trasformazioni sociali e culturali, che hanno profondamente trasformato l’area, segnando l’avvio di una nuova fase di sviluppo. Un percorso non certo lineare che ha visto alternarsi fasi di crescita a momenti di crisi in cui è stato necessario fare appello a tutte le risorse, economiche certo, ma soprattutto umane, del territorio.

Oggi, nel pieno di un momento difficile per l’economia e la produzione, sembra più che mai necessario volgere uno sguardo al passato, le cui radici affondano in una secolare capacità di lavorare il metallo, in particolar modo le leghe del rame, per riflettere sulle prospettive future. Un percorso storico che verrà introdotto da Angelo Vecchi, ricercatore di storia locale, che ha indagato le origini e le cause dello sviluppo del distretto del rubinetto. Per questo motivo, oltre alla mostra verrà presentato il progetto del sito internet www.museodelrubinetto.it , con il quale il Museo si propone anche come spazio aperto alla discussione sui temi legati alla produzione del rubinetto e del valvolame, ma anche su quelle globali relative alla disponibilità di acqua nel mondo e alla necessità di razionalizzarne l’uso per limitare gli sprechi e garantirne a tutti l’accesso.

Finalità questa che è propria di quello strumento, semplice e insieme complesso, che prende il nome di “rubinetto” (dal francese “robinett” = “piccolo montone”, termine desunto dalla forma a testa d’ariete diffusa in Francia), una piccola chiave, in fin dei conti, che se ben utilizzata può consentire l’accesso al deposito dell’oro blu.

La Mostra
L’industria della rubinetteria in cento anni di storia
Ricostruire la storia dell’industria della rubinetteria e del valvolame nel novarese significa ripercorrere la storia industriale e sociale dell’Italia post unitaria.
Un mondo in cui lo sviluppo delle grandi città detta il passo ad un cambiamento che è insieme economico, sociale, tecnologico e culturale. Ai primi timidi inizi, a carattere ancora prettamente artigianale, quando antiche tecniche ed esperienze secolari di lavoro cominciano ad incontrarsi con le richieste di un mondo che va rapidamente cambiando, segue l’accelerazione impressa dalla modernizzazione.
In un susseguirsi di periodi di crescita e di crisi, nei quali il sistema produttivo si riorganizza, si arriva al 1965, anno in cui il distretto della rubinetteria e del valvolame decolla definitivamente affermandosi a livello mondiale.

I testimoni
Per parlare della crescita industriale che ha trasformato il basso Cusio in una delle principali aree industriali italiane abbiamo richiesto la testimonianza delle aziende sorte dal 1860 al 1965 e ancora in attività.
Ogni testimonianza costituisce, col proprio soggettivo punto di vista, incentrato sulla storia aziendale, un tassello di un mosaico storico la cui ricostruzione complessiva è in larga misura ancora da scrivere. Una storia in cui l’innovazione tecnologica, la capacità di stare sui mercati e la personalità dei fondatori assumono notevole rilevo.
Una storia corale con molti protagonisti, ciascuno con un proprio prodotto, atteggiamento, stile:

  • Bongio S.r.l.
  • Caleffi S.p.a.
  • Cimberio S.p.a.
  • Cristina S.p.a.
  • F.lli Fortis S.r.l.
  • F.lli Frattini S.p.a.
  • F.lli Pettinaroli S.p.a.
  • F.lli Porta S.p.a.
  • Fantini S.p.a.
  • Gattoni S.p.a.
  • Giacomini S.p.a.
  • Gioira & Redi S.n.c.
  • Neve Rubinetterie S.n.c.
  • Nicolazzi S.p.a.
  • Ottone & Meloda S.p.a.
  • Paffoni S.p.a.
  • RAF rubinetterie S.p.a.
  • Righi S.p.a.
  • Rubinetteria La Torre S.p.a.
  • TOF S.r.l.
  • Zucchetti S.p.a.

Il Museo
Il Museo del rubinetto e della sua tecnologia
La missione che il Museo si prefigge è quella di illustrare non solo la storia di San Maurizio d’Opaglio e del distretto industriale del rubinetto, ma soprattutto esporre le numerose tematiche inerenti alla potabilizzazione dell’acqua e l’uso delle risorse idriche con cui la tecnologia del rubinetto si è dovuta e si deve confrontare.
Il Museo intende ripercorrere la storia sociale dell’acqua e delle innovazioni che hanno permesso di dominare l’elemento liquido, trasformando la cura del corpo da pratica elitaria a fenomeno di massa, determinando il sorgere del distretto industriale del rubinetto e del valvolame nel Cusio.
Il Museo non rappresenta quindi il solo comune di San Maurizio d’Opaglio, ma è l’espressione di un distretto territoriale e produttivo più vasto, legato da profonde interazioni economiche e culturali.

La mostra è realizzata con il contributo di: Ecomuseo del Lago d'Orta e Mottarone Comune di San Maurizio d'Opaglio

La mostra “DALL’ERICA ALL’OTTONE” sarà aperta presso il Museo del rubinetto e della sua tecnologia, in Piazza Martiri della Libertà 1 a San Maurizio d'Opaglio dal 15 luglio al 15 settembre, il venerdì, sabato e domenica dalle ore 14 alle 19.

Info: Ecomuseo del Lago d'Orta e Mottarone, tel. 0323.89622; fax 0323.888621; ecomuseo@lagodorta.net; www.lagodorta.net

Museo del rubinetto e della sua tecnologia: info@museodelrubinetto.it

 

Giorni e orari di apertura

Aperto dal 1 aprile al 30 novembre, da venerdì a domenica dalle 15:00 alle 18:00

Per informazioni: 0323.89622

 filetto divisore

Sponsors & Partners

Chi sono e cosa fanno per noi
iconaProgetto: il portale web
iconaMostra: Dall'Erica all'Ottone

 filetto divisore

Il Museo del Rubinetto è socio di:

logo ecomuseo del lago d'orta

 filetto divisore

Gli amici del Museo

logo italy faucets

 filetto divisore

© museo del rubinetto e della sua tecnologia / info@museodelrubinetto.it / webmail / area riservata

design: kitchen